29 marzo 2017

Recensione: Danze dell'inferno di Autori Vari


Buongiorno e bentornati qui sul blog lettori! Per una challenge questo mese dovevo leggere una raccolta di racconti o novelle. Mi ero prefissata di leggere quelle del trono di ghiaccio ma più che novelle sono un prequel che racconta la vita di Caelena e sono tutte un susseguirsi quindi non sono racconti a se. Allora ho iniziato le fiabe di Anderson che ho da quando avevo 5 anni. Un mattone rilegato con le favole ma avevo gli incubi e nulla. Mi sono buttata su questo libro che ho da anni e anni, da quando è uscito in pratica. Ero in fissa con Twilight e pensavo che fosse come quello o collegato a quello ma in realtà non era così e quindi è finito li, nella lista dei libri da leggere fino ad ora.


Questa collezione di racconti, scritti da cinque autrici celebri per le loro storie ricche di suspense e mistero - Meg Cabot, Kim Harrison, Michele Jaffe, Lauren Myracle e Stephenie Meyer autrice della saga di "Twilight" -, affronta il lato oscuro di una tradizione tra le più consolidate: il ballo della scuola.
All'interno dell'antologia incontriamo così, in una girandola di storie horror, cacciatori di vampiri e venditori di amuleti magici, fantasmi sospesi fra due dimensioni e ragazzi dotati di poteri soprannaturali. Fino al racconto di Stephenie Meyer, in cui la sera del ballo diventa lo scenario di uno scontro tra i mortali e un antichissimo demone che, dietro le mentite spoglie di una fanciulla, creerà terrore e scompiglio. I lettori verranno così trascinati in un mondo arcano dove nulla è come appare e ogni elemento rivela un nuovo, inaspettato volto dell'orrore.





LA FIGLIA DELL’AMMAZZAVAMPIRI di Meg Cabot
IL MAZZOLINO di Lauren Myracle
MADISON AVERY E LA F.A.L.C.E di Kim Harrison
PROVACI ANCORA, SIGNORINA KISS di Michael Jaffe
BALLO INFERNALE di Stephenie Meyer


Il libro è l'insieme di 5 racconti scritti da da 5 autrici famose per i loro racconti fantasy/horror per ragazzi. Il libro è chiamato così per tutti e cinque i racconti sono collegati da un un filo conduttore, ovvero il ballo scolastico di fine anno, tradizione americana molto ma molto sentita da tutti i giovani.
Non mi è piaciuto per nulla. Trovo che un libro debba raccontare una storia e spiegarla per bene. Capisco se è il primo di una serie allora so che le risposte arriveranno nei seguiti, ma i racconti brevi non mi piacciono perchè appunto troppo brevi, frettolosi e senza troppe risposte.

I 5 racconti sono tutti horror, infestati da mostri, zombie e vampiri. Il più banale è forse il secondo. Definirlo triste e orribile è dir poco. Io posso capire il marketing, lo hanno buttato fuori subito dopo Twilight con un unico nome pubblicizzato, cioè la Meyer, come se gli altri fossero poco importanti. Tutti si aspettavano Midnight Sun all'epoca e nel frattempo avrebbero letto qualsiasi cosa scritta da lei. Ma ecco la fregatura. I racconti sono uno davvero più brutto e triste dell'altro. Il secondo come dicevo mi ha fatto ribrezzo. La scrittura è scorrevole e si leggono in poco tempo perchè alla fine ogni racconto va dalle 40 alle 70 pagine. Che angoscia! Non si posson nemmeno definire racconti belli e chiari perchè, essendo brevi lasciano molto in sospeso. Anche l'ultimo scritto dalla grande Meyer non è nulla di che... eppure questa donna ha partorito un libro come Twilight. Sono in procinto in questo periodo di leggere l'ultimo suo libro, uscito a Natale dell'anno scorso, ma non so bene cosa aspettarmi.
Le altre quattro autrici non le avevo mai sentite, forse la Cabot ma nessuna di questa mi ha ispirato fiducia e voglia di leggere altro scritto da loro. In particolare mi è proprio passata la mania di vampiri e balle varie da un pezzo.Credo che starò alla larga da questo ambito ancora per un pò, poi magari mi butto sul diario del vampiro perchè qualcuno mi ha detto che i libri sono molto diversi e che sono anche belli i primi quattro.

A presto
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang