02 marzo 2017

Recensione: Crossed la fuga di Ally Condie


Buongiorno lettori e bentornati qui sul blog. Oggi vi porto la recensione di un bellissimo seguito. E' la prima volta che mi piace di più il secondo libro di una serie rispetto al primo. Crossed La Fuga è il secondo capitolo della serie dispotica di Matched, creata da Ally Condie.


Per Cassia Reyes le regole del gioco sono cambiate. Solo poco tempo prima, un sofisticato sistema informatico creato dalla Società ha scelto come suo promesso Xander, il suo migliore amico: doveva essere il compagno perfetto, ma una macchina non può comandare il cuore. Infatti il ragazzo che lei ama è Ky Markham, una Aberrazione, un individuo che la Società considera pericoloso e indegno di essere promesso a qualcuno. Un errore che proietta Cassia in una nuova dimensione di verità e conoscenza dove può comprendere le mancanze e i difetti del Sistema che governa le loro esistenze. Scoprendo dentro di sé una forza che non sapeva di possedere, Cassia si allontana da un destino già programmato e si mette in viaggio verso le estreme frontiere della nazione per ricongiungersi a Ky, che è stato rapito e portato nei campi di lavoro dove la Società confina coloro che non ritiene idonei. Il percorso di Cassia sarà duro e pieno di ostacoli, ma proprio quando ogni speranza di rivederlo sembra perduta verrà a sapere che Ky si è rifugiato tra i profondi canyon che circondano la Società, luoghi ancora inesplorati dove non c'è traccia di vita umana. È proprio tra quelle gole che la ragazza farà la scoperta che muterà la sua vita e le permetterà di capire che non tutto è perduto e che dentro quel mondo apparentemente immobile e perfetto c'è un seme di cambiamento e di libertà. Una ribellione sta montando, e Cassia sarà finalmente libera di scegliere. 


Titolo: Crossed, La fuga
Serie: Matched #2
Autore: Ally Condie
Editore: Fazi
Genere: Dispotico
Pagine: 345
Pubblicazione: 2012
Luogo:  Province Esterne / Deserto
Periodo: un futuro prossimo
 

Alla fine del primo libro avevamo lasciato Cassia e Ky che venivano separati dal società in cui vivono. I nostri due protagonisti vivono in una società dispotica del futuro che controlla qualsiasi cosa. La società ti controlla dalla nascita fino alla fine della tua vita, ovvero il giorno in cui compirai 80 anni. La società ti impone cosa fare, cosa mangiare e anche cosa pensare. Abbiamo conosciuto Cassia nel primo libro, una ragazza tranquilla, intelligente e sveglia a cui inizia a star stretta la sua situazione in questa società dove tutto è già stabilito. Proprio al banchetto di abbinamento, dove sarebbe stato mostrato il suo futuro marito, c'è stato un errore e lei da quel momento capisce che la società non è infallibile. Ora è stata ricollocata con la sua famiglia, dalla città alla periferia, in mezzo alle campagne e al duro lavoro di ogni giorno. Questo però non cambia il suo pensiero e di certo non le serve per rimetterla in riga. Piano piano mette a punto tutto per fuggire dal controllo della società e andare ancora più all'esterno delle province dove è sicura di ritrovare Ky. Sarà un viaggio lungo e difficile ma Cassia non sarà sola e alla fine il libro si chiude sul più bello.

Il primo libro l'avevo trovato bello, interessante ma molto noioso per via dell'unico punto di vista della narrazione, ovvero quello di Cassia. Il secondo libro, invece, narra le avventure sia dal punto di vista di Cassia sia dal punto di vista di Ky, a capitoli alternati e pur essendo la parte più avventurosa della trilogia mi è piaciuto di più. Il secondo libro è ovviamente la descrizione della fuga dalla società, dell'insorgenza e della ricerca di qualcosa di diverso, quella libertà che non hanno mai avuto i nostri protagonisti. Non è la mia parte preferita l'avventura o i viaggi avventurosi in generale, ma il fatto di vedere due fili che si intrecciano sulle stesse scene per ritrovarsi non faceva che catturare sempre di più la mia attenzione. Quando ti sembra di aver capito tutto, ecco che arriva il colpo di scena e tutto crolla. Non è stato facile seguire tutto e mettere insieme i pezzi per capire tutto il sistema della società che sta dietro e infatti il lavoro non è finito, mi manca l'ultimo libro.

Questa trilogia è stata scritta e pubblicata tra il 2011 e il 2013 ma i suoi libri sono già introvabili. Non ha avuto il successo delle altre serie, molto più pubblicizzate e per questo è stata penalizzata. E' un vero peccato perchè è stata scritta prima di Divergent ed è molto più bella. Ho fatto una faticaccia a reperire il terzo e ultimo libro ma ci sono riuscita e al prossimo obiettivo di qualche challenge mi fiondo per concluderla.

A presto 
Kris 

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang