28 febbraio 2017

Recensione: Il primo bacio a Parigi di S. Perkins



Buonasera lettori, oggi pubblico anche questa recensione perchè è l'ultimo giorno del mese e devo per forza per via delle challenge mensili. Vi chiedo comunque scusa perchè non sono recensioni perfette ma davvero questo mese è stato un incubo per via di un bel blocco lettore causato dal cavaliere d'inverno, ma ve ne parlerò poi. Oggi vi porto la recensione di un libro dolcissimo, leggero e romantico che scalda il cuore.



Non c’è nulla che Anna aspetti più dell’ultimo anno al liceo. E’ sicura che ogni singolo momento insieme alla sua migliore amica e al ragazzo per cui ha una cotta colossale sarà indimenticabile. Ma le cose non vanno affatto come sperato perché i genitori di Anna decidono di spedirla per un anno intero in collegio a Parigi. Anna è disperata … almeno fino al giorno in cui incontra Etienne St.Clair. Divertente, sensibile, affascinante, St. Clair sembra proprio il ragazzo perfetto. C’è solo un piccolo problema: lui è fidanzato. Ma- si sa – Parigi è la città più romantica del mondo, e tra una passeggiata sulle rive della Senna e un appuntamento al chiaro di luna, tutto può succedere….








Titolo: Il primo bacio a Parigi
Serie: Anna and the French Kiss #1
Autore: Stephanie Perkins
Editore: De Agostini
Genere: Young Adult
Pagine: 428
Pubblicazione: febbraio 2015
Luogo: Parigi


Anna è una giovane diciassettenne americana che vive ad Atlanta e non vede l'ora di andare al college per essere più libera e indipendente. Suo padre, un noto scrittore di romanzi strappalacrime, che io mi sono convinta essere lo Sparks della situazione, decide di iscrivere sua figlia in una prestigiosa scuola americana a Parigi per il suo ultimo anno di liceo. Il libro si apre con Anna che disfa e sistema le sue cose con entrambi i suoi genitori che poco dopo la lasciano in lacrime in un paese straniero e senza che lei conosca una parola di francese. Subito entrano in gioco la sua vicina di stanza che le presenta Etienne, un ragazzo fidanzato ma davvero davvero bello e molto molto umano, con difetti e paure, differenziandosi dal solito bello e impossibile di tutti i romanzi. Tra i due nasce una splendida amicizia che tra un giro nella città più romantica del mondo, film e divertimenti diventerà qualcosa di più.

Il romanzo è un Young Adult vecchio stampo, senza i soliti drammi e tragedie che siamo abituati a leggere negli ultimi romanzi pubblicati sul mercato. I nostri protagonisti sono giovani con i loro problemi e difetti che alla loro età sono insormontabili, ma che comunque si impegnano a superarli. E' un romanzo dolce e tenero ma un po' troppo lento per i miei gusti. Sono comunque 400 e passa pagine di romanzo, anche se scritto con un carattere normale e non con quelli microscopici, quindi vi lascio immaginare quanto lento sia, ma rimane pur sempre molto molto carino.

La trilogia è composta da altri due libri con protagoniste altre due ragazze ma pur sempre collegati tra loro. In Italia è stato pubblicato il secondo, con una cover orribile, ma del terzo non si hanno proprio notizie. Questo è un vero peccato perché ho sentito che il terzo è quello più bello dalle recensioni in giro, mentre il secondo è molto meglio del primo. Per il momento non è una delle letture che mi preme fare perché comunque dovrei comprare il libro e questo mese ne ho comprati parecchi...troppi! Quindi per i prossimi mesi tiriamo un po' la corda, ma appena posso, buoni e sconti permettendo mi comprerò il seguito con le avventure di Lola.

A presto 
Kris

Recensione: Cinder di Marissa Meyer


Buongiorno lettori e buona settimana...purtroppo non ho tantissimo tempo in questo periodo e sia le letture che le recensioni vanno a rilento ma è il 28 oggi e devo recensire gli ultimi libri letti per le challenge. Oggi vi porto la recensione di un bellissimo retelling su Cenerentola.



Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole. Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni? Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall'orribile epidemia che lo devasta. Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un'inevitabile quanto dolorosa resa dei conti con il proprio oscuro passato



Titolo: Cinder 
Serie: Le cronache lunari #1
Autore: Marissa Meyer
Editore: Mondadori
Genere: Retelling
Pagine: 228
Pubblicazione: marzo 2012
Luogo: Nuova Pechino
Periodo: Circa un mese



Questo libro l'ho snobbato per anni, poi in vista della pubblicazione dell'ultimo volume mi sono buttata e l'ho letto, innamorandomene pagina dopo pagina. Ero un po' spaventata all'idea di un retelling. Non ne ho mai letti e il rivivere una storia che già so non mi fa impazzire dalla voglia di leggerli, ma questo è stupendo, è un romanzo davvero molto bello. La storia narra un periodo della vita di Cinder, un cyborg ovvero una persona composta per più della metà da parti meccaniche, come bulloni, viti, ingranaggi e tutta quella roba lì. Questo libro infatti è solo l'inizio della storia di Cinder che poi ritroveremo anche nei seguiti, seppur retelling di altre favole e con protagonisti diversi. Cinder è un meccanico di Nuova Pechino ed è al lavoro alla sua bancarella al mercato, quando esplode un caso di letumosi, una malattia mortale ai livelli della peste nei secoli scorsi. Cinder rientra a casa della matrigna dove facciamo la sua conoscenza e quelle delle due sorellastre. La più grande è la tipica sorellastra di Cenerentola, cattiva e insopportabile, mentre la sorellina più piccola è comunque molto buona con la nostra Cinder. Inizia così l'avventura di Cinder che la porterà a scoprire delle cose sul suo passato e su chi è lei veramente ma soprattutto ad incontrare il Principe Kai. Kai è il figlio dell'imperatore del regno dove vive Cinder, che un giorno girerà per il mercato alla ricerca di un meccanico per aggiustare il suo androide e si imbatterà proprio in Cinder, il migliore di tutta la città.

La cattiva di turno non è solo la matrigna, a cui è stato relegato il ruolo della solita egoista che pensa solo alle sue due figlie e non alla figliastra, ma c'è anche una regina. In questo retelling infatti ci viene presentata Levana, la regina della Luna, dotata di poteri straordinari in grado di condizionare la mente umana, che sbarca su Nuova Pechino perché vorrebbe sposare il Principe Kai, in modo da ottenere ancora più potere.

La storia è ambientata nell'arco temporale di un mese circa, ma è un romanzo ricchissimo e in ogni pagina troviamo qualcosa di incredibile e inaspettato. Nonostante Cinder sia un cyborg, prova sentimenti come tutti gli umani e non mancheranno lacrime, gioie, delusioni e notizie inaspettate.

Io adoro Cenerentola, è la mia favola preferita. Devo ammettere che la Meyer ha comunque fatto un lavoro incredibile perchè è una storia diversa, ambientata in un mondo fantastico e pieno di colpi di scena. La storia non stanca mai, non è mai noiosa anche se l'inizio è un po' lento. Ci sono diversi personaggi secondari che ho apprezzato, anzi forse tutti i personaggi sono davvero ben creati.

Come dicevo prima, questo è il primo libro di una serie che poi prosegue con Scarlet, il retelling di Cappuccetto Rosso ma dove saranno presenti anche Cinder e forse il Principe Kai. Non vedo l'ora di scoprire come questa autrice sia riuscita a inserire i nuovi personaggi in un mondo davvero fantastico. Sono davvero contenta di averlo letto perchè merita proprio tanto.

 A presto 
Kris 

25 febbraio 2017

BookTag MUST READ


Buongiorno lettori e buon week end! Oggi sono qui per proporvi un Book Tag semplicissimo e velocissimo visto che sono solo sei domande, ma molto molto carine per noi lettori.

1. In che modo, solitamente, scopri nuovi libri da leggere?
I nuovi libri da leggere li scopro tramite i book haul su youtube, ultimamente sto aggiungendo libri e libri alla mia lista grazie a questa tipologia di video o post. Ma devo ammettere che mi lascio più convincere da una persona che parla e si mostra entusiasta. Poi ci sono autori di cui ho già letto qualche romanzo e quindi ci tengo a leggere anche altre opere. Altre volte vedo qualche cover/trama su anobii, social vari o su amazon che mi ispira. I viaggi in libreria sono calati visto che preferisco comprare online ma quando mi capita magari girando qualcosa mi colpisce e sono quei libri che mi colpiscono al cuore perchè trovati e letti per caso.

 2. I premi letterari influenzano la tua wishlist?
Assolutamente no, anzi penso di aver letto pochissimi libri che hanno vinto dei premi. Non seguo questo campo e quindi non so mai nulla. Può darsi che sulla cover con bollini o fascette varie viene riportato ma non influenza la mia voglia o meno di leggere il libro.

 3. Ti senti in dovere di leggere libri considerati opere fondamentali della letteratura?
In dovere proprio no. Mi piacerebbe leggerli ma visto che il tempo è sempre poco preferisco leggere libri un pò più leggeri che mi ispirano al momento e che sono sicura di apprezzare di più.

 4. I libri che desideri leggere sono influenza dal punteggio che hanno su Goodreads?
Ni...nel senso che se ho già letto qualcosa di quell'autore o sono libri di serie e saghe vado dritta per la mia strada. Se no guardo la valutazione ma non cambia quello che penso. A volte se mi ispira un libro non importa quanto gli altri lo hanno apprezzato perchè può capitare che libri che a tutti sono piaciuti a me non fanno impazzire e libri che io ho amato alla follia, nessuno se li fila.

5. Quali sono, secondo te, alcuni dei libri più sottovalutati?
Se parliamo delle librerie direi che a parte i casi come Harry Potter, Twilight e After tutti gli altri libri non vengono proprio considerati. Se invece consideriamo anche i blog e i booktuber devo ammettere che molte saghe trovano una notevole visibilità. Ultimamente ho letto un libro di Abbi Glines che non viene nemmeno considerata per via dell'errore della sua primissima duologia. E' stata bollata come autrice erotica ma non è assolutamente vero anzi... Una saga che mi era piaciuta un sacco era quella del bacio dell'angelo caduto di Becca Fiztpatrick ma non ne ho mai sentito parlare nessuno.

6. Quali libri hai comprato perché tutti ne parlano positivamente?
Tantissimi...ma perchè seguo persone che hanno più o meno i miei stessi gusti anche se a volte parto in quarta con quei libri che desidero leggere io e che nessuno ne ha mai parlato e quindi anche se qualcuno ne parla negativamente io non gli do tanto peso.

Ecco lettori...queste erano le mie risposte a questo bel book-tag! Ora torno a leggere perchè sono indietrissimo con le letture per le challenge.

A presto 
Kris

23 febbraio 2017

Recensione: Irraggiungibile di Abbi Glines






Buongiorno lettori e bentornati qui sul blog! Oggi sono qui per parlarvi di un libro che mai mi sarei aspettata di leggere e di amare alla follia.


 

Rush Finlay ha ventiquattro anni, è sexy e arrogante, e nessuno riesce a dirgli di no. Blaire Wynn ha solo diciannove anni, è splendida, innocente e off limits: è figlia del nuovo patrigno di Rush. Quando Blaire, alla morte della madre, lascia la sua fattoria in Alabama e si trasferisce in Florida dal padre che non vede ormai da anni, trova ad attenderla solo Rush, il fratellastro fascinoso e inaffidabile, con cui dovrà trascorrere l'estate. Blaire non è preparata a quel mondo pieno di lusso e tentazioni, e soprattutto a quella potente attrazione, impossibile da contenere, che la trascina verso Rush... Perché la felicità sembra sempre così irraggiungibile?




 

  Titolo: Irraggiungibile #1
Autore: Abbi Glines
Editore: Mondadori
Genere: New Adult
Pagine: 228
Pubblicazione: novembre 2014
Luogo: Florida
Periodo: Estate / Circa un mese



 Abbi Glines è arrivata in Italia con una duologia oscena "The Vincent Boys". Si avete capito bene, era a dir poco oscena e io l'ho abbandonata al primo libro dopo poche pagine. Mai visto niente di più osceno, volgare e scritto male. Sapete che gli erotici non sono la mia passione, ma per la challenge dovevo leggerne uno e tra i consigli c'era questo. Disperata perchè gli altri erano erotici erotici, ho letto la trama e qualche parere in giro, mi sembrava il meno peggio e quindi mi sono detta va beh proviamo. Ho preso questo e il seguito con l'offerta dei best sellers mondadori del mese scorso e adesso sto già cercando gli ultimi due della serie.

La serie è composta da 4 libri ma in realtà il quarto è il primo libro semplicemente visto dal punto di vista del protagonista Rush. Il secondo e il terzo libro sono a punti di vista alternati. La Glines poi ha sviluppato per diversi personaggi incontrati in questo libro degli spin off che però sono ancora inediti in Italia.

La storia parla di Blaire che arriva a casa di suo padre, pochi giorni dopo la morte della madre. Al suo arrivo però trova solo un'immensa casa, nella quale c'è una lussuosa festa in corso e di suo padre nemmeno l'ombra. Suo padre e la sua nuova moglie sono a Parigi per una vacanza e in casa c'è solo il figlio di lei, ovvero il suo fratellastro Rush, proprietario della casa e figlio di una famosa Rock Star. Blaire non ha un posto dove vivere e così Rush decide di ospitarla in casa sua, nello stanzino del sottoscala dove di solito sta la domestica, fino all'arrivo dei loro genitori. Blaire è un ragazza indipendente e matura, così si cerca subito un lavoro per guadagnare un pò di soldi e trovare un appartamente tutto per lei. Inizierà piano piano a conoscere gli amici di Rush e i segreti che girano attorno a lui, senza però sapere che quello più grande di tutti riguarderà lei e il suo passato.

Questo libro l'ho adorato, l'ho letto in pochissimi giorni e vorrei già leggere il seguito ma devo finire prima altre letture. Questo romanzo non è un erotico. Non capisco perchè viene definito così, ma in realtà non c'è nulla di scandaloso. Ci sono scene esplicite ma mai volgari ne tirate troppo per le lunghe che comunque si trovano benissimo in quasi tutti i romanzi rosa. Pensavo davvero di trovarmi davanti a un libro che contenesse più scene erotiche o simili ma in realtà non è così. Sono rimasta schifata dal primo libro dell'altra serie e quindi mi sono sempre disinteressata a questa autrice e alle sue opere. Le cover delle edizioni best seller sono oscene e ovviamente nn c'entrano nulla. Certo c'è la storia tra un lui e una lei come in ogni libro ma non era necessario metterli in copertina e farlo passare per un libro che non è.

Ringrazio infinitamente le ragazze della challenge Un anno di romance, per aver consigliato questo libro perchè sicuramente non l'avrei mai letto e invece l'ho adorato. Ora non mi resta che cercare gli altri due e sperare che vengano tradotti anche gli altri libri di questa autrice.

A presto 
Kris

20 febbraio 2017

Recensione Trilogia Happenstance di Jamie Mcguire






Buongiorno lettori e benvenuti o bentornati qui sul blog! Oggi sono qui per parlarvi di un'intera trilogia di quasi 400 pagine totali. La trilogia in questione è quella della Jamie Mcguire che tutti criticano e quindi io ho deciso di leggerla.


Questi tre libri sono in ordine di lettura (bugia equivoco follia...ordine alfabetico! vi giuro non riuscivo mai a ricordare l'ordine e ho trovato questo trucco per riuscirci). Vi mostro la trama del primo e poi faccio la separazione per chi non l'ha ancora letto e non vuole spoiler. 



Erin è all’ultimo anno di liceo e da sempre si sente diversa. Perché al contrario dei suoi compagni non ha una bella macchina, non veste alla moda, non va alle feste. Perché Erin è cresciuta da sola, con una madre che non riesce a prendersi cura di lei. Il suo unico desiderio è quello di fuggire. Fuggire da quella città, da quella scuola, dagli altri ragazzi che non fanno altro che criticarla. Fuggire e ricominciare da zero. Ma un giorno nella gelateria dove lavora, entrano due occhi verdi che Erin conosce bene. Appartengono a Weston il ragazzo più popolare del liceo. Weston che non ha paura di nessuno e ottiene sempre quello che vuole. Nessuna riesce a resistergli e ora all’improvviso sembra accorgersi proprio di lei. Lei che si è sempre sentita inadeguata e imperfetta. Erin non ha dubbi, non può cadere nella trappola di quello sguardo. Da un tipo così bisogna stare il più lontano possibile. È la scelta sbagliata. Eppure bastano solo poche ore passate a parlare per scoprire che dietro l’immagine di ragazzo forte e invincibile, si nasconde un animo pieno di sogni. Sogni che paiono irrealizzabili come quelli di Erin. Weston è il solo che comprende le sue insicurezze e le sue paure. Il solo che la fa sentire protetta, al sicuro. Ma lasciarsi andare non è facile. Soprattutto ora che una notizia inaspettata ha cambiato ogni cosa. Perché la vita può essere tutta una bugia. Per Erin permettere a qualcuno di avvicinarsi tanto da non avere più segreti è un’impresa ardua. Quasi impossibile.
 
  Titolo: Una meravigliosa bugia
Autore: Jamie Mcguire
Editore: Garzanti
Genere: Young Adult
Pagine: 95
Pubblicazione: maggio 2015
Luogo: Blackwell

 
Quando questo libro era uscito, l'ho snobbato per la lunghezza  e prezzo (solo 95 pagine a 10 euro) ma soprattutto per i commenti supernegativi che tutte le recensioni avevano nei suoi confronti. Questa trilogia è la famosa trilogia che cercavo di comprare da novembre su Libraccio. Ogni volta la mettevo nel carrello e puntualmente dopo 7 gg mi diceva che non c'erano più copie e così ricominciavo. Due settimane fa mi sono arresa e ho pensato di comprarlo con le nuove cover a 5 euro circa l'uno ma almeno erano nuovi. Poi il colpo di fortuna, li trovo tutti e tre usati, li metto nel carrello e cerco altri tre libri che bramavo e dopo pochi secondi dalla conferma erano già disponibili nel mio carrello pronti per essere spediti! Ero commossa dalla gioia...

Sono arrivati venerdì e li ho già letti tutti e tre. I tre libri vanno considerati come un unico libro secondo me e quindi andrebbero pure presi insieme, per non ripanere con la curiosità per troppo tempo. La storia narra le ultime avventure di Erin durante l'ultimo anno di liceo. Erin vive a Blackwell, un paesino di pochi abitanti in Oklahoma (che esiste davvero) dove tutti si conoscono. In quel sperduto paesino, vivono ben tre Erin e tutte e tre nate il 4 maggio. Per distinguere le tre bambine, venivano chiamate per cognome. La differenza tra queste bambine è che due hanno allontanato la terza dopo le elementari, costringendola a subire da allora atti di bullismo da parte di tutta la città. Erin è cresciuta da sola, in una casa sporca e fatiscente con una mamma ubriaca o fatta quasi tutte le sere e senza avere un'idea di chi sia il suo vero padre. La storia inizia poco dopo l'inizio dell'ultimo anno e prosegue fino all'università. La vita di Erin è scandita dalle lezioni, il suo lavoro al locale e la casa in cui vive, nel mezzo atti di cattiveria da sopportare che lei ha imparato a gestire. 

Essendoci la storia d'amore, è ovvio che arriverà un bel ragazzo a salvare la nostra protagonista. Di certo lei non si aspetta che sia proprio il ragazzo più popolare della scuola e che è anche il suo sogno. Il ragazzo in questione è anche uno dei suoi nemici, perchè è il ragazzo di Erin...una delle sue più acerrime nemiche. Nessuno si aspetta quello che poi succede nel primo libro, ma peggio nel secondo perchè in quello si verrà a scoprire che il suo avvicinamento non è stato proprio per un interesse come un vero principe azzurro. Il terzo e ultimo libro poi...ci svelerà la vera forza di Erin, in quanto questa ragazza è da ammirare. Nonostante tutto quello che ha passato nella sua vita e nonostante quello che continua a passare ogni giorno per via di certe persone senza cervello, lei si mostra superiore con testa e intelligenza, oltre che buona educazione. 

Questa trilogia io la considero come un libro solo in quanto è molto molto breve. Il primo libro conta 95 pagine, il secondo 125 e il terzo 156. Io li ho letti in un week end di relax. Come sapete sto leggendo Il cavaliere d'inverno (maddooooooo che protagonisti -.-) che è un pò pesantino e lunghino seppur molto bello, ma avevo voglia di staccare completamente da quel libro. Così ho deciso di leggere il primo, ma finito il primo ero curiosa di proseguire la storia e così li ho letti tutti e tre nel giro di pochissimo. Nel primo libro si assiste al classico colpo di fortuna per una ragazza davvero sfortunata. Alla fine del primo libro ero senza parole per la fortuna che ha avuto. Il secondo libro prosegue esattamente nello stesso istante della fine del precedente e assistiamo alla transizione di Erin dalla sua vecchia vita a quella nuova con l'aiuto di Weston. Il terzo e ultimo libro infine ci da l'idea di quello che aspetta ad Erin nel futuro, ma non sarà più lei a traballare nelle insicurezze, bensì il suo adorato Weston. 

A me sono piaciuti tantissimo tutti e tre e infatti ho dato a tutti 5 stelline perchè comunque ho passato qualche ora piacevole con Erin e Weston. Weston è un pò imprevedibile e sinceramente troppo insicuro e lagnetta, ma è un uomo e quindi tutto normale. 

Non capisco la gente che lo critica, ovvio non è un'opera di letteratura, ma nemmeno una storia così brutta. E' una storia di riscatto seppur con molta fortuna è bella da leggere. Lo stile è fresco, semplice e molto scorrevole come in tutti i romanzi della McGuire. Non so mi sta venendo voglia di leggere altri suoi romanzi e riprendere in mano la saga dei disastri....vedremo. 

Non vi lascio le trame dei seguiti perchè contengono spoiler del libro precedente e perchè io nemmeno le ho lette. Ho imparato a non farmi fare spoiler da nessuno...nemmeno dalle trame.



Titolo: Un magnifico equivoco
Autore: Jamie Mcguire
Editore: Garzanti
Genere: Young Adult
 
Pagine: 95
Pubblicazione: maggio 2015
Luogo: Blackwell
 

Titolo: Un magnifico equivoco
Autore: Jamie Mcguire
Editore: Garzanti
Genere: Young Adult
 
Pagine: 156
Pubblicazione: giugno 2015
Luogo: Blackwell
 


A presto 
Kris

13 febbraio 2017

Cosa sto leggendo questa settimana? #1


Buongiorno lettori! Oggi ho deciso di inaugurare una nuova rubrica "Cosa sto leggendo questa settimana?". So che c'è la fantastica WWW wednesday ma il problema è che non posso mai dire con certezza cosa inizierò dopo quindi farla e scrivere un libro che poi non inizio non mi piace.

Quindi ho deciso di crearne una ad hoc con poca fantasia e chiamarla "Cosa sto leggendo questa settimana?". Questo semplicemente perchè a volte mi blocco per mancanza di tempo e voglia e rimango ferma su un libro per parecchio tempo o anche per via della mole del libro, come in questo caso, e sul blog non escono aggiornamenti ne recensioni.Così per tenervi aggiornati ecco la soluzione.

Sto leggendo.... 📚


Oddio quasi non ci credo ma dopo anni che lo guardavo con terrore, mi sono decisa. Ho iniziato Il Cavaliere d'Inverno e devo dire che mi sta piacendo parecchio. Il problema è la mole e quindi ci metterò un pò a finirlo perchp sono 700 pagine e in questi giorni ho poco tempo. Avevo sentito parecchie recensioni super positive ma ero in ansia per via della guerra e dell'ambientazione nella Russia degli anni 40. Invece è scritto bene, facile e scorre velocemente quindi sono super-felice. 

In alternativa sto leggendo per la maratona Harry Potter e la Camera dei segreti e che dire? Anche questo è favoloso.

Ecco lettori queste sono le mie letture che prevedo dureranno un pochino per via anche dei miei impegni. Appena li finisco usciranno le recensioni e vi farò sapere cosa leggerò.

A presto 
Kris  

10 febbraio 2017

Recensione: Postmortem di Patricia Cornwell


Buongiorno lettori e bentornati qui sul blog! Oggi sono qui per parlarvi della mia ultima lettura che ho concluso ieri sera. E' stata peggio di un parto -_-

Un serial killer è in azione nella città di Richmond: già tre donne sono morte, violentate e strangolate nelle loro camere da letto. Nulla le accomuna, l'omicida sembra colpire a caso. La sola costante è che i delitti avvengono sempre di sabato, prima dell'alba. è per questo che quando una telefonata della polizia la sveglia nel cuore della notte, Kay Scarpetta, capo dell'ufficio di medicina legale della Virginia, intuisce immediatamente che l'inafferrabile assassino ha agito di nuovo. La minaccia incombe, il sanguinario killer può tornare a colpire in qualunque momento e da qualunque parte. Kay non può escludere nessuna ipotesi, nemmeno quella di essere il suo prossimo obiettivo. E sa di avere anche altri nemici: qualcuno che sta cercando di intralciare la sua azione, qualcuno che nell'ombra cerca di insidiarne il ruolo, compromettendo irrimediabilmente la caccia all'assassino.



  Titolo: Postmortem
Autore: Patricia Cornwell
Editore: Oscar Mondadori
Genere: Giallo
Pagine: 310
Pubblicazione: 1990
Luogo: Richmond, Virginia
Periodo: giugno/luglio

 

Ecco a voi il libro debutto di Patricia Cornwell dopo 26 anni sono riuscita a leggerlo anche io. Desideravo leggere da tempo e infatti lo avevo recuperato già a Natale del 2015 dopo aver letto i libri della Gazzola, ma poi non mi decidevo mai a leggerlo. Adoro le serie tv crime o di medicina legale e tutto il genere, ma i libri non so perchè non mi attiravano mai. Ho deciso così per caso di dare un'opportunità alla Dottoressa Scarpetta e così via ho iniziato questa serie che conta più di 20 libri.

Il libro inizia un venerdì notte estivo nella cittadina di Richmond, in Virginia. La Dottoressa Scarpetta, dirigente del centro di medicina legale della città, viene svegliata nel cuore della notte per la telefonata della polizia che l'avverte della morta di una donna. La Dottoressa sa già che è il suo serial killer il colpevole e questa è la sua quarta vittima in meno di due mesi. Già in una manciata di pagine, conosciamo tutti i protagonisti del libro il sergente della polizia che si occuperà delle indagini Pete Marino, alla giornalista di cronaca Abby, ai vari capi della polizia e dei dipartimenti. Il libro è narrato dal punto di vista della Dottoressa e quindi la seguiamo al lavoro mentre svolge le autopsie e le sue indagini, nella sua vita privata a casa con la nipotina Lucy, fino alla fine quando grazie a un suo piano verrà trovato il colpevole anche se dovrà rischiare parecchio.


Questo libro è il primo romanzo della serie e il primo libro di Patricia Cornwell. E' stato scritto negli anni 90 ed è ovviamente ambientato a quei tempi. Ho fatto una fatica terribile a leggerlo ma non perchè non mi piaceva anzi... E' un Oscar Bestsellers vecchio ed è scritto piccolo e fitto e ogni due per tre leggendolo alla sera perdevo la riga (ho una certa età e mi calava la palpebra). Mi è piaciuto un sacco e non ho capito un tubo fino alla fine. A circa metà iniziavo a sospettare di un personaggio e invece puff non c'entrava un fico....maledetto Marino che mi portava fuori strada. Ci ho messo una vita a finirlo per via del linguaggio. Sono abituata a vedere le serie crime e csi ma con le immagini riesco a capire di cosa parlano. Visto i progressi dell'epoca si inizia a parlare di analisi del DNA e vengono spiegate dettagliatamente e io non ci ho capito nulla. Stessa cosa per i computer, quando parlavano nello specifico del linguaggio o di come violare un pc degli anni 90 io leggevo ma non capivo per filo e per segno il linguaggio molto specifico. Ecco questo mi ha fatto storcere un pò il naso. E' un romanzo lento per via di tutte queste descrizioni precise e specifiche che non fan altro che allungare il libro. Apprezzo che la Cornwell volesse essere molto precisa e ovviamente il libro non parla delle indagini della polizia ma delle indagini del medico legale e quindi delle prove e delle analisi tecniche ma a volte ecco il linguaggio era arcaico per me.

Spinta dall'entusiasmo ho già comprato il secondo libro e vorrei iniziarlo, ma ho paura che sia ancora legato agli anni 90 con parole e termini che nemmeno so il significato. I libri della Cornwell sono più di 20 e proprio a Natale è uscito l'ultimo Chaos, sempre con protagonista la Dottoressa Scarpetta. Ho sentito e letto pareri molto diversi. I primi libri sono quelli migliori (ma sono arcaici per me xD) mentre gli ultimi sono un pò così così. Io vorrei leggerli in ordine (sono precisa) e spero di riuscirci perchè sono curiosa di vedere come la Dottoressa Kay affronta le indagini ai giorni nostri e con la tecnologia di oggi.

A presto 
Kris
 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang