11 marzo 2017

Recensione: Harry Potter e la camera dei segreti


Buongiorno lettori e ben tornati qui sul blog! Oggi vi parlo del secondo libro della saga di Hary Potter che ho letto per la famosa maratona che sto seguendo.

Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo che colpisce i compagni di Harry uno dopo l'altro, e che sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenebrosa Camera dei Segreti. Il secondo libro della serie di Harry Potter viene riproposto, in brossura, in concomitanza con l'uscita del quarto film ispirato al maghetto.




Titolo: Harry Potter e la camera dei segreti
Autore: J.K. Rowling
Editore: Salani
Genere: Fantasy
Pagine: 307
Pubblicazione: Prima edizione 1999
Luogo: Hogwarts
Periodo Temporale: un anno scolastico




Alla fine del primo libro avevamo lasciato Harry alle prese con il suo rientro a casa alla fine del suo primo anno alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. Il libro infatti si apre con Harry a casa degli zii che si preparano a ricevere a cena i Mason, clienti di zio Vernon per concludere un affare importante. Durante la cena, Harry è rinchiuso in camera sua ma riceve la visita di un elfo domestico chiamato Dobby. Dobby cerca di farsi promettere da Harry di non rientrare a scuola per il suo secondo anno scolastico perchè qualcuno vuole fargli del male. Harry cerca di capire il più possibile da Dobby, ma l'elfo è molto testardo e per ottenere quello che vuole mette nei guai Harry proprio davanti agli zii e ai loro clienti. Harry viene fatto prigioniero ma durante una notte di inizio agosto, i gemelli Weasley e Ron arrivano su una macchina Ford Angilia volante, preoccupati per non aver avuto notizie di Harry da mesi. Harry riesce a scappare con tutta la sua roba e Edvige (oddio poverella la stava dimenticando....) e tutti si avviano a raggiungere la Tana, la casa della famiglia Weasley.
Harry verrà ospitato qui fino all'inizio del suo secondo anno scolastico dove come l'anno precedente succederà davvero di tutto.

In questo secondo libro, l'universo magico creato dalla Rowling si allarga ed entrano in gioco nuovi personaggi, nuovi animali e soprattutto un sacco di oggetti magici partoriti dalla mente folle di questa donna. Non so perchè ma Ginny, la piccola e unica figlia femmina dei Weasley, non mi è mai andata a genio e non mi va nemmeno adesso. La trovo insipida e nonostante grazie agli spoiler so più o meno come finisce, mi stupisce che abbia un ruolo così fondamentale in questa saga. Non so se con questo episodio la Rowling voleva già avvisarci dell'importanza di Ginny ma a me non va proprio. Per il resto posso dire che io adoro le descrizioni del mondo magico creato da questa donna...mi ricordano da piccola come mi ero innamorata del famoso mondo di Boscodirovo. Adoro proprio i mondi fantastici creati dagli altri.

Mi piace leggere la Rowling, nonostante io sia un pò cresciuta per i suoi libri, devo dire che si possono facilmente adattare a tutti e ti trasportano lontano per qualche ora di piacevole distrazione. Oltre al mondo magico, la Rowling ci mette un sacco di umorismo. Se non fosse un fantasy con la F maiuscola, i suoi libri protrebbero essere davvero una cura contro la depressione perchè fanno sorridere. E' molto abile nell'inserire particolari che poi serviranno a capire megli episodi che avverranno in futuro (libri seguenti).

Personalmente preferisco la prima versione però quella che aveva i nomi tradotti. Infatti dopo la prima serie di libri, le altre edizioni riportano i nomi delle case e dei personaggi originali e non mi ci trovo. Ormai sono abituata come nei film a certi nomi e mi fa strano chiamarli in modo diverso ma le cover sono spettacolari.

Vorrei tanto poter avere tutti i libri che formano il castello, ma mi devo accontentare per ora di questo. Magari in un'altra vita qualcuno me lo regala e avrò lo spazio per metterlo.

Ora dovrei fare il confronto con il film, ma davvero ho pochissimo tempo e sono indietro con l letture. Benedetta sia la gastrite che mi ha fatto recuperare un sacco ma ho davvero un sacco di cose da recuperare e il tempo non basta. Quando riuscirò a vederlo farò il commento libro/film, nel frattempo mi dedicherò al terzo libro.

A presto 
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang