22 dicembre 2016

Recensione: Tra due mondi di Jennifer Armentrout


Buongiorno lettori! Oggi sono qui per parlarvi dell'ultima lettura che ho terminato giusto questa settimana. Il libro di cui oggi vi dirò cosa ne penso è Tra due mondi di J.L. Armentrout.  
 

Gli Hematoi discendono dall'unione di dei e mortali, e i figli di due Hematoi di sangue puro hanno poteri di origine divina. I nati dall'unione tra i figli degli Hematoi e i mortali, invece... be', non proprio. I Mezzosangue hanno solo due possibilità: venire addestrati per diventare Sentinelle con il compito di combattere e uccidere i daimon o diventare servitori nelle dimore dei Puri. La diciassettenne Alexandria preferirebbe rischiare la vita lottando piuttosto che sprecarla pulendo i pavimenti, ma non è detto che ci riesca. La sua condotta, infatti, è tutt'altro che irreprensibile. Ci sono diverse regole che gli studenti del Covenant, come lei, devono seguire e Alex ha dei problemi con tutte, ma soprattutto con la numero 1: le relazioni tra i Puri e i Mezzosangue sono proibite. Sfortunatamente, lei è attratta da Aiden, bellissimo e... Puro. Comunque innamorarsi di Aiden non è il suo più grande problema, rimanere in vita abbastanza a lungo e diventare una Sentinella invece sì. Se fallirà nel suo compito, dovrà fronteggiare un futuro più terribile della morte o della schiavitù: diventerà un daimon, e Aiden le darà la caccia. E quella sarebbe una vera disgrazia.


Titolo: Tra due mondi
Autore: Jennifer L. Armentrout
Editore:Harpen Collins Italia
Genere: YA Urban Fantasy
Data di uscita: 7 Luglio 2016 

Finalmente mi sono decisa a dare un'opportunità a questo libro grazie a una delle challenge a cui partecipo. Io adoro la Armentrout, qualsiasi cosa lei scriva io devo leggerla...anche la lista della spesa! Il suo primo libro è stato Ti aspettavo che ho divorato, poi sono passata agli urban fantasy e lei scrive un capolavoro dopo l'altro. Ho letto tutti i volumi della serie Lux senza mai stancarmi, quest'anno ho recuperato tutta la trilogia Darks Elements e ora ho cominciato questa perla.

Uscito quest'estate lo avevo un pò snobbato perchè leggendo qualche opinione qua e la qualcuno aveva chiaramente notato che non era la sua opera migliore visto che dovrebbe essere stata scritta molto tempo fa e quindi prima di altri libri che abbiamo già letto. Questo commento mi aveva un pò segnato e quindi ero indecisa. Poi ho visto moltissimi commenti superpositivi e mi sono decisa a leggerla. Non so che cosa mi piace di questa scrittrice visto che ho letto moltissimi dei suoi libri. Riesce sempre ogni volta a catturarmi con i suoi urban fantasy.

La protagonista di questo romanzo è Alexandria, Alex come la chiamano tutti ed è un mezzosangue. La nuova serie della Armentrout prende spunto dagli dei greci anche se non sono presenti in prima persona ma semplicemente richiamati. I veri personaggi si distinguono in Hematoi, Puri, Mezzosague e Daimon. Gli Hematoi sono coloro che discendono dall'unione degli dei con i mortali. A loro volta i Puri sono figli di due Hematoi e hanno il potere di controllare gli elementi. I Mezzosangue sono coloro che discendono dall'unione di un Puro e un Mortale, proprio come la nostra Alex. Questi hanno anche loro dei poteri particolari come forza e velocità.  In questo mondo i cattivi sono i daimon, ovvero coloro che danno la caccia ai puri per nutrirsi dell'etere che scorre nelle loro vene. I daimon possono uccidere i puri risucchiando tutto l'etere oppure possono trasformare i puri in altri daimon. Finqui mi ero già persa e ho dovuto fare un post-it per ricordarmi tutto.

La storia si apre con Alex e sua madre in fuga che vengono attaccate dai daimon. La madre di Alex, Rachelle, è quella che ha la peggio essendo Pura. A eseguito di questo episodio, Alex farà ritorno al Covenant, uno degli istituti sparsi per il mondo, dove Puri e Mezzosangue si allenano e vivono lontano dai mortali e dai daimon. Alex e sua madre erano fuggite anni prima ma Alex non ha mai saputo il motivo che ha spinto sua madre a lasciare un posto sicuro come il Covenant per rifugiarsi tra i mortali. Questo è l'inizio della storia che riporterà Alex alla sua vecchia vita con il suo migliore amico Caleb ma soprattutto con Aiden, la sentinella che avrà il compito di addestrare Alex per tutta l'estate in modo da essere riammessa ai corsi con l'inizio del nuovo semestre e diplomarsi in tempo nella primavera seguente, se no suo zio Marcus, non che rettore del Covenant, la spedirà a fare la schiava ai Puri per tutta la vita. Una figura che mi ha colpito molto è Seth che viene introdotto ma metà libro ma la Armentrout non gli da molto spazio e non sono riuscita a capirlo come avrei voluto. Sono sicura che con i seguiti questa cosa cambierà visto l'importanza che Seth ha in tutta la vicenda.

Non vado avanti perchè se no potrei raccontare tutto il libro e così poi nessuno lo legge. Sicuramente la Armentrout dopo alieni e gargoyle, ha creato un altro mondo fantastico che da dipendenza. Devo ammettere che all'inizio ho fatto un pò fatica a farmi prendere perchè la parte iniziale era piena di informazioni ed erano un pò troppe tutte insieme. Da circa metà con i personaggi che man mano entrano a far parte della vita di Alex la storia prende piede e coinvolge molto di più il lettore. Come ho detto prima, mi aspettavo che Seth avesse più spazio, ma sono sicura che già con il seguito sarà così. Il libro ha comunque lo stile dell'autrice classico per i suoi urban fantasy che o piacciono oppure proprio no. Io li adoro, non so mi trasmettono un senso di pace e tranquillità e ogni volta che li leggo sembra di essere li con loro. Ora mi pento un pò di non aver comprato il seguito ma quasi quasi vado a prenderlo ora.

La Armentrout per me è una garanzia, compro i suoi libri ormai ad occhi chiusi, ecco perchè nel 2017 ho deciso di rimettermi in pari e leggere quelli che mi mancano ovvere il suo autoconclusivo e tre libri delle serie Ti aspettavo. Sono davvero contenta che questa serie è stata acquistata dalla HarpenCollins perchè ha l'abitudine di pubblicare i libri di una stessa serie nel giro di 5 mesi l'uno dall'altro e secondo me è il tempo corretto tra un libro e il suo seguito per non far perdere troppo l'interesse.

A presto
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang