13 gennaio 2017

Recensione: Flower di E. Craft e S. Olsen


 Buongiorno lettori e bentornati! Oggi sono qui per parlarvi della mia ultima lettura terminata e sto parlando di un nuovo romanzo che non ha proprio fatto breccia nel cuore dei lettori, ma vediamo cosa ne penso io.

Charlotte vive con la nonna ed è una ragazza con la testa a posto: bravissima a scuola, lavora in un negozio di fiori per pagarsi gli studi. È molto concentrata e non ammette distrazioni, non esce di sera e non accetta inviti dai ragazzi. È ossessionata dal pensiero della madre e della sorella che pensa abbiano sprecato le loro vite alla continua rincorsa dell'amore e del sesso. Charlotte ha promesso a se stessa che non farà la loro fine, non perderà di vista i propri obiettivi per colpa dei ragazzi, per questo studia con estrema dedizione con l'obiettivo di essere ammessa a Stanford. Fino a che, un giorno, nel negozio entra un cliente strano, ombroso ma gentile, un tipo affascinante ed esigente e, all'apparenza, molto ricco. Charlotte fa quell'ultima vendita e all'ora di chiusura torna a casa sicura di non rivederlo mai più... Ma la mattina dopo le viene recapitato un mazzo di fiori bellissimi e costosissimi e scopre che il misterioso cliente si chiama Tate ed è la più famosa pop star del pianeta... e anche se tutto ciò che rappresenta quel ragazzo è distante anni luce dalla vita di Charlotte, la scintilla è scoccata e ora sarà difficile tornare indietro...

 Titolo: Flower
Autore: Elizabeth Craft e Shea Olsen
Editore: Newton Compton
Genere: Young adult Romance
Pagine:286
Pubblicazione: gennaio 2017
Luogo: Los Angeles Stati Uniti
Periodo Temporale: un anno
 

Vorrei dirvi che mi è piaciuto o che non mi è piaciuto ma non sono sicura del mio pensiero, so solo che quando ho chiuso il libro la sensazione era piacevole quindi sono più per il positivo. Ma andiamo con ordine. La nostra protagonista è Charlotte, diciassettenne californiana che vive a Los Angeles ma non nella parte ricca e splendente di star ma in quella più normale, la parte che troviamo in tutte le altre città. Charlotte vive con la nonna, sua sorella Mia e il suo nipotino Leo. Tutte le donne della sua famiglia sono diventate mamme molto giovani e lei non vuole rovinarsi il futuro. Lei vive con una vita programmata da tempo tutto in previsione dell'ammissione all'università di Stanford. Per questo a parte il suo migliore amico Carlos, Charlotte non ha distrazioni, ma solo un lavoro part time in un negozio di fiori e un tirocinio per l'ammissione. La sua vita scorre tranquilla fino a quando non viene stravolta da un ragazzo che lei crede sia uno qualsiasi, ma altro non è che la più famosa pop star del pianeta. 

Fin qui nulla di male, località e storia sembran carine e l'introduzione era interessante. Ma poi tutto crolla nel senso che al racconto sembrano mancare dei pezzi. Non so se sia per via della pubblicazione o per via del lavoro a due mani, ma a volte si ha come la sensazione di perdere dei pezzi di storia che avrebbero fato piacere al lettore. La storia di per se non è nulla di che, anche se è la prima volta volta che leggo di una celebrità, non mi aspettavo nulla di diverso. Le storie della Newton scorrono tranquille e senza pretese. 

La storia tra Charlotte e Tate ha degli alti e bassi mostruosi e questo può far storcere il naso ma per me non è tanto quello perchè io la capivo. Bisogna considerare che è uno young adult e che la protagonista ha 17 anni ed è il suo primo amore. Non mi sarei aspettata nessun comportamento diverso dal suo. A me non è piaciuto lui...penso sia la prima volta dove non trovo nulla di bello nel protgonista. L'ho trovato egoista dal primo momento, pieno di se e freddo, insulso. Niente di lui trasmette sentimento o calore, è una persona fredda e insensata, vuota...che le due autrici cercavano di riempire tramite dei gesti romantici ma che io non riuscivo ad accettare perchè lui continuava ad essere senza carattere. Non so nemmeno io come descriverlo, insomma a me non piaceva lui. E' una rock star e quindi deve tirarsela per forza? 

Come sapete, io non leggo le recensioni degli altri per paura di spoiler se non ho letto il libro, mentre se l'ho letto non le leggo perchè ho già una mia opinione. Quello che guardo sono le valutazioni se positive o negative. Di questo libro ho visto in giro solo due recensioni positive e tutte le altre erano negative con bocciature piene. Ho voluto leggerlo perchè a me interessava la trama e volevo come sempre farmi una mia opinione. A parte delle mancanze e il protagonista maschile pieno di se, a me è piaciuta come storia. E' un pò diversa dalle solite storie che leggo ma comunque è sempre stata leggera e l'ho letta in poco tempo. L'unica cosa negativa per me è stata la lunghezza. Secondo me c'erano parti da migliorare e altre da descrivere meglio, ma per il resto è un libro leggibile senza pretese. 

A presto 
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang