09 dicembre 2011

Recensione: Il teorema dell'amore perfetto

Titolo: Il teorema dell'amore perfetto
Autore: Federica Morrone/Cristiana Rumori
Casa Editrice: Newton Compton
Genere: Romanzo
Data Pubblicazione: luglio 2011
Pagine: 178
Prezzo: 6.90€





È un giorno come tanti per Tommaso, che attende il suo turno alle poste prima di correre in aeroporto per l’ennesimo viaggio tra l’America e l’Europa. Poi, all’improvviso, in quel mattino qualsiasi, in un momento di noia, si insinua il suono di una voce di donna. Bellissima, sensuale e sobria al tempo stesso, in un attimo riesce a catturare tutta la sua attenzione. E quando la voce, impegnata in una banale conversazione telefonica, scandisce il proprio numero di cellulare, Tommaso non esita a trascriverlo per inviarle un SMS poche ore dopo. Per Anna il messaggio di quello sconosciuto in partenza per luoghi lontani è una sorpresa, un inaspettato diversivo, un’occasione per sfuggire alla routine del quotidiano. Per scherzo, forse, o per curiosità, decide quindi di stare al gioco e, giorno dopo giorno, si lascia sedurre dalle parole di quest’uomo lontano che le parla di sé e ascolta i suoi racconti. Tra i due, ciascuno immerso nella propria vita di sempre, nasce così una relazione intima e profonda, intessuta di confidenze scambiate soltanto tramite messaggi e e-mail, in cui il filo immaginario delle parole suscita nuovi desideri, di libertà, di conoscenza, di amore.

Finalmente l'ho finito!!! Mai letto una roba del genere! Ma partiamo dall'inizio. Ho comprato questo libro di impulso spinta dalla cover coloratissima dopo tante cover fantasy quasi tutte cupe e dopo una veloce occhiata alla storia. Mi sembrava carino ma ero solo un'illusa. La storia inizia con Tommaso in fila alla posta che vede una ragazza Anna mentre parla al telefono con qualcuno a cui da il suo numero di telefono. Tommaso lo memorizza e quella sera mentre è in partenza scrive un sms ad Anna che non lo aveva mai visto. La storia prosegue un capitoletto a testa con un sms o email in risposta a quella dell'altro. I due protagonisti si piacciono e si desiderano e fin qui nulla di male. Personalmente non mi piace per nulla e non condivido le scelte dei personaggi di andare con altre persone anche solo per una notte in attesa del loro incontro. Tommaso è partito il primo giorno e resterà in America per un mese per via del suo lavoro. Anna rimane a Roma e continua la sua vita in attesa del loro incontro fissato il giorno di Natale all'ora di pranzo per un Natale diverso e non tradizionale. Posso dirlo? Una palla mostruosa!!! L'idea è carina anche se mi ricorda "Scrivimi Ancora" di Cecelia Ahern, un libro che paragonato a questo è un capolavoro. I protagonisti sono noiosi, lui è il classico dongiovanni, capace di andare con la prima che incontra e poi scrivere a lei "vorrei che tu fossi qui". Lei è la classica paranoica che fa la stessa cosa: va con il primo che capita e intanto pensa all'altro. Non mi è piaciuto per nulla ma ho voluto portare a termine la lettura sperando in un finale che risollevasse tutto il libro e invece?! Il libro si chiude il giorno di Natale, giorno del loro incontro, lasciandoti con l'amaro in bocca! Si perchè dopo 178 pagine di pensieri e paranoie, non vediamo nemmeno l'incontro tra i due, non sappiamo cosa succede! Roba da matti! Ho aspettato fino alla fine almeno per sapere come andava il loro primo incontro e niente da fare, le autrici mollano il libro così come se mancasse l'ultimo capitolo, il finale! 
Ho dato due stelle ma in realtà è una e mezza proprio regalata! Non lo consiglio proprio a nessuno! 

...e pensate che solo digitando il titolo su Google, vi si aprono una decina di pagine di articoli di giornali su questo libro come se fosse un capolavoro...ma qualcuno si è preso la briga di leggerlo?!

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang