27 luglio 2017

Recensione: Harry Potter e il calice di fuoco di J. K Rowling


Buongiorno Readers! Oggi vi porto il mio pensiero sull'ultimo libro letto di Harry Potter, come sapete quest'anno vorrei leggere tutta la serie e piano piano sto portando avanti il mio obiettivo!

È un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda... E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è un mago normale. E stavolta la differenza può essergli fatale. 


 
Titolo: Harry Potter e il calice di fuoco
Serie: Harry Potter 5#
Autore: J.K. Rowling
Editore: Salani
Genere: Fantasy
Pagine: 655
Pubblicazione: Prima edizione 2000
Luogo: Hogwarts
Periodo Temporale: un anno scolastico


ATTENZIONE SPOILER SUI VOLUMI PRECEDENTI

Fra tutti i romanzi di Harry Potter, dopo il primo che rimane sempre il migliore, questo è il mio preferito perchè racconta per me l'anno migliore a Howarts.

A seguito di alcune vicende che riguardano Voldemort e Codaliscia, la famiglia Weasley si recano dai Dursley a prendere Harry, prima del tempo. Come al solito Harry stava trascorrendo l'estate dai suoi zii ed ben felice di andar via. La truppa di nuovo riunita si recherà alla finale della Coppa del Mondo di Quidditch. In seguito al campeggio dove tutti i maghi stanno festeggiando la vittoria dell'Irlanda sulla Bulgaria, arrivano i Mangiamorte, i seguaci di Voldemort a gettare scompiglio. Come inizio anno non c'è male per il povero Harry che al suo primo giorno di scuola riceve la notizia che il campionato di Quidditch quest'anno salta e il suo posto sarà preso dal Torneo Tremaghi, un torneo fra le tre scuole di magia più potenti del mondo. Tre campioni, uno per ciascuna scuola dovranno affrontarsi per superare tre prove. Visto che è un torneo mortale, è consentito solo ai maggiorenni. Gli studenti che vogliono candidarsi dovranno mettere il nome nel calice di fuoco. Succede però che il giorno che viene estratto il nome dal calice, lo studente scelto per Hogwarts è Harry Potter che non può partecipare in quanto ha solo 14 anni....ma chi ha messo il suo nome nel calice? come c'è riuscito e come mai?

Il libro parte con dei colpi di scena e delle avventure che già ti incollano al libro. Nonostante questo sia il più corposo di tutti i libri l'ho divorato in due giorni. Non so se è il più grande perchè devo ancora leggere l'ultimo che mi pare se la giochi bene, ma sicuramente questo è il mio preferito. Il Torneo Tremaghi mi ha preso proprio e non riuscivo a staccarmi dal libro curiosa di sapere le prove e come si sviluppavano e i trucchi con il quale i campioni le superavano. Ero sempre li a leggere, curiosa di sapere anche come ci fosse finito il nome di Harry nel calice, quando è uscito infatti sono rimasta a bocca aperta. Fortuna che lo leggevo a casa perchè troppo pesante da portare in giro se no avrei fatto una figura da cioccolataia.

I libri di Harry Potter sono uno più bello dell'altro, lo stile fresco e semplice è ovviamente adatto ai lettori più piccoli ai quali è destinato il libro, ma anche quelli più grandi possono leggerlo e apprezzare comunque il mondo fantastico che la Rowling si è inventata. Super promossa tutta la serie fino a questo momento... non credo ci siano strane sorprese nei prossimi libri ma staremo a vedere. Se non avete mai letto Harry Potter fatelo, partite dal primo libro oppure se avete visto i film e li sapete a memoria, leggete quello che vi piace di più ma dategli un'opportunità...sono sicura che vi introdurrà nel fantastico mondo della lettura e non ne uscirete più.

A presto 
Kris

0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang