19 novembre 2017

Recensione: La Notte delle Falene di Riccardo Bruni





Buona domenica lettori e ben tornati qui sul blog! Oggi vi porto la recensione del libro che ho letto questo week end, complice l'ultimo lancio della challenge, ho scelto un bel thriller.


Alice è stata uccisa in una mite notte d’estate. Il suo corpo giaceva nel bosco, a pochi passi dalla casa del suo molestatore. Per lui non c’è stato scampo: quella stessa notte l’ha raggiunto, impietosa, la vendetta del padre della ragazza.
Dieci anni sono andati e quella notte è ancora avvolta nelle tenebre: Alice vuole raccontare la sua storia, la sua vita e soprattutto la sua morte. Enrico, il fidanzato di allora, ritorna dopo tanto tempo sui luoghi di quell’immenso dolore. Non si aspetta di dover affrontare quel passato che aveva provato a cancellare, quelle persone che aveva voluto dimenticare.
Sotto lo sguardo sognante e dolce di Alice, gli amici di un tempo saranno riportati a quella notte, quando quel mondo di giovinezza e di luce si è spento, cadendo nel buio di una violenza ancora tutta da chiarire.


 
Titolo: La Notte delle Falene
Serie: autoconclusivo
Autore: Riccardo Bruni
Editore: Amazon Publishing
Genere: Thriller
Pagine: 248
  Data di uscita: dicembre 2015
Luogo: Toscana
Periodo: Salti Temporali

 Questo libro è un thriller scritto in modo molto particolare, infatti una delle voci narranti che ci introduce e ci conduce in questa storia è quella di Alice, la vittima. Alice è una ragazza che vive in un paesino sul mare in Toscana ed è fidanzata da alcuni anni con Enrico, un ragazzo della capitale che trascorre tutte le estati in quel luogo. Una notte terribile però Alice viene trovata morta. Il padre accecato dalla rabbia si vendica e uccide un ragazzo che lavorava presso di lui e che viene indicato come il molestatore di sua figlia. Alice ci narra quei giorni e insieme a tutti i villeggianti del paesino scopriamo cosa è successo in quel periodo ma anche adesso, dieci anni dopo quella terribile notte quando Enrico ritorna. Dopo un lungo periodo, il ragazzo decide di ritornare in quei luoghi e ripercorrere la vicenda che le ha portato via la sua Alice.

Un romanzo particolare perché abbiamo più punti di vista che ci narrano le vicende del passato e del presente nello stesso luogo ma che ruotano tutte attorno a un unico evento, l'uccisione di Alice. 
Lo stile dell'autore è davvero particolare, lo definirei intenso ma allo stesso tempo molto complicato perché vengono usati periodi molto molto brevi, sembrano frasi spezzate a metà o all'improvviso. Non mi è piaciuto per nulla, troppi salti temporali e avendo da poco finito due romanzi sempre con salti temporali per via dei viaggi nel tempo, mi uscivano dalle orecchie. Lo stile particolare come vi dicevo rende il romanzo molto molto pesante che per me è stata una tortura finirlo. Mi sento quasi in colpa per non aver apprezzato la storia di Alice ma io davvero non riuscivo a entrare nella storia. I personaggi sono molti, descritti e caratterizzati molti bene ma nessuno è riuscito a colpirmi e a entrare in sintonia con me. La copertina anche se semplicissima mi ha colpito un sacco, forse è l'unica cosa di bello che ho trovato nel romanzo.

A presto 
Kris



0 commenti:

Posta un commento

 

MidNight's Books Template by Ipietoon Cute Blog Design and Bukit Gambang